Domenica 6 novembre 2016 - ore 17.00 - TEATRO COMUNALE

TeatrOmbria (Firenze)

HANSEL e GRETEL

liberamente tratto dalla fiaba “Hansel e Gretel”

testo e ideazione Grazia Bellucci e Claudio Cinelli

“Chi rosicchia la casetta ?” dice la strega, “Il Vento il venticello o il celeste bambinello “ rispondono i bambini con la bocca piena… La casa di marzapane…eccola là nel cuore della foresta..un’immagine che toglie il respiro e fa venire l’acquolina in bocca…… Un’immagine che nessuno dimentica: com’è attraente e tentatrice questa immagine, e com’è terribile il rischio che si corre se si cede alla sua tentazione! Passare dalla paura di morire di fame a quella di essere divorati . Ma per fortuna l’astuzia vince sempre sulla cattiveria ….e la strega può essere spinta nel forno e bruciare ! Fintanto che i bambini continueranno a credere nelle streghe - e ci hanno sempre creduto e sempre ci crederanno- bisognerà raccontare loro che grazie alla loro abilità e alla loro astuzia si libereranno da queste figure persecutrici che popolano la loro immaginazione. Ma le streghe non popolano soltanto l’immaginario infantile e spesso la paura di essere “ mangiati “ diventa una realtà anche nel mondo degli adulti! La fascinazione del Teatro d’ ombre si mescola con le immagini rarefatte e decise della proiezione video , dando luogo a un linguaggio nuovo , ambivalente . Il ritmo non lascia un attimo di respiro e coinvolge completamente lo spettatore toccando nel profondo le sue corde emotive ..

Teatro con attori, pupazzi, ombre e video dai 4 anni

Biglietto 5 euro


Domenica 4 dicembre 2016 - ore 17 - TEATRO COMUNALE

Teatro Verde (Roma)

Cenerentola e la scarpetta di cristallo

di Andrea Calabretta regia di Pino Strabioli

In scena un enorme mazzo di carte, che prende vita, si monta e si smonta e di volta in volta diventa un castello, una fattoria, un palazzo. E anche la storia, a tutti nota, viene smontata e rimontata dagli incredibili e comici personaggi di questa scanzonata Cenerentola. Un maiale alle prese con la linea, una vacca ipocondriaca, il Cavalier Bastoni, il Due di Coppe, il Re, la Matrigna, le Sorellastre e la Fata Madrina ripercorrono la vicenda di Cenerentola, ce la raccontano ognuno dal proprio punto di vista, in un vorticoso caleidoscopio di immagini che ci conduce per il noto sentiero della fiaba ad un ritmo crescente fino ad arrivare alla versione della vera protagonista dell’intramontabile fiaba: la Scarpetta di cristallo! Cenerentola, una fiaba che tutti conoscono e per questo ben si presta al gioco teatrale, in cui ognuno trova la sua chiave di lettura: dalla fascinazione per i più piccoli al gusto del paradosso per i più grandi.

Teatro con attori, burattini e pupazzi,  dai 4 anni

Biglietto 5 euro


Domenica 18 dicembre 2016 - ore 17.00 - TEATRO COMUNALE

Florian Metateatro (Pescara)

IL GATTO CON GLI STIVALI

con Santo Cicco, Laura Tiberi, Roberto Mascioletti

musiche e canzoni di Paolo Capodacqua

ideazione e regia Mario Fracassi

scene e costumi di Antonella Di Camillo e Daniela Verna

Il ragazzo, terzo figlio di un povero mugnaio, riceve in eredità una maschera e un vestito da gatto. Naturalmente è disperato, ma, quando capisce il valore dell'eredità che il padre gli ha lasciato... Nella commedia c'è un re, con due grandi problemi che non lo lasciano invecchiare in pace: sua figlia, la principessa, rifiuta tutti i numerosissimi pretendenti perché aspetta il vero amore per sposarsi e in tutto il regno non c’è più traccia di un coniglio, il piatto preferito del vecchio re. Il re ha a sua disposizione molti cacciatori, ma nessun uomo caccia meglio del gatto con gli stivali che riesce a catturare molti conigli, e ogni giorno ne fa dono al sovrano da parte del suo padrone, il marchese di Carabàs (che poi è sempre il ragazzo con la maschera da gatto). Sia il padre che la bella e nubile figlia sono sempre più curiosi di conoscere il loro benefattore e arriva il giorno in cui il Gatto accetta di condurli da… lui. Il ragazzo è ben felice di presentarsi come marchese di Carabàs e anche di sposare la principessa, ma un nobile deve possedere ricche vesti, terre e un castello! Il regno confinante appartiene al terribile orco Popanz di cui nessuno conosce il vero aspetto, poiché Popanz è capace di infinite metamorfosi; proprio sfruttando le doti magiche e lo stupido orgoglio dell’orco, il gatto lo induce a trasformarsi in un topolino e se lo mangia in un sol boccone.   Teatro d'attore, dai 6 anni


RINVIATO A DATA DA DEFINIRE - TEATRO COMUNALE

Teatrando Master/Florian Metateatro (Pescara)

I VESTITI DELL'IMPERATORE

con i giovanissimi interpreti di Teatrando Master

ideazione e regia Flavia Valoppi

Il Florian presenta il progetto speciale realizzato da Flavia Valoppi per il gruppo di giovani Teatrando Master del Florian. La storia disegna un imperatore vanesio, pieno di se', dedito, insieme all'imperatrice solo alla bella vita e a farsi adulare. Un bel giorno arrivano a corte due mastri sarti con l intenzione di burlare i due sovrani e mettono in atto uno stratagemma senza precedenti: una tela invisibile a tutti quelli che non son degni di occupare le poltrone del comando. Vengono confezionati due abiti sontuosi per la passeggiata imperiale ma i due sovrani appariranno in Mutande!! Tutti i cortigiani adulatori  si prodigheranno a descrivere la stoffa che non c' è...solo un bambino con la sua voce cristallina svelerà la verità: "...ma sono nudi!?" La voce dell'innocenza! Il nostro spettacolo termina parafrasando il testo di Gianni Rodari, che noi abbiamo preso come spunto oltre al classico scritto da H. C. Andersen, "Ma voi se vedete quel bambino, nascondetelo, proteggetelo, perchè ha messo in fuga mille bugiardi con una sola verità".  Teatro d'attore, dai 5 anni.


Domenica 5 marzo 2017 - ore 17.00 - TEATRO COMUNALE

Tieffeu (Perugia)

I TRE PORCELLINI

con Giancarlo Vulpes pupazzi di Ada Mirabassi

L’ombrello, contenitore della fiaba da cui escono fuori i personaggi, si trasforma in casa, luogo di protezione ma al tempo stesso luogo di scontro tra i protagonisti, i porcellini, e il lupo antagonista. I tre porcellini sono la rappresentazione del bambino che cresce, passando attraverso gli errori e le brutte esperienze. La fiaba insegna in maniera semplice quanto sia importante impegnarsi senza pigrizia in ciò che si fa per poter sfuggire ai pericoli che la vita futura può provocare.

Teatro d'attore, dai 3 anni


Domenica 9 aprile 2017 - ore 17,30 - TEATRO COMUNALE

I guardiani dell'oca (Guardiagrele)

BIANCANEVE E I SETTE NANI

con Eliana De Marinis, Tiziano Feola, Zenone Benedetto

regia di Zenone Benedetto

Un racconto senza tempo, una favola musicale con attori e pupazzi liberamente tratta dall'omonima fiaba dei fratelli Grimm: “Vorrei una bambina bianca come la neve, rossa come il rubino e con i capelli neri, neri come la notte. Vorrei una bambina che sia degna figlia dal re e di sua madre la regina. Sarà dolce, sarà bella come una stella. Sarà forte e coraggiosa e non temerà alcuna selva tenebrosa. La sua voce risuonerà come canto di usignolo, in ogni luogo, in ogni dove, rendendo assai felici gli animi puri come è puro il suo candore. Uno, due, tre e poi sette gli amici che incontrerà nel bosco nel quale si nasconderà. Strega maligna nulla potrai contro l'amore vero che tu non avrai....”. Teatro d'attore, dai 4 anni

 

FLORIAN ESPACE

Via Valle Roveto, 39 

PESCARA 65124

085 4224087 -  085 2406628 -  393 9350933

direzione@florianteatro.it 

organizzazione@florianteatro.it

info@florianteatro.it

P.IVA 00275690683  

posta certificata:   florianteatro@pec.it