RICCIOLIDORO

ovvero il mondo è diviso in

 PICCOLO E GRANDE

 e tu sei sempre “fuori misura

dai F.lli Grimm

 

Uno spettacolo-laboratorio per i bambini della scuola primaria

 

Durata 1 ora

Di e con Flavia Valoppi

Musica eseguita dal vivo da Irida Mero

Consulenza e regia  Anna M. Talone

 

E’ uno spettacolo che ci offre l’opportunità di lavorare sul concetto di GRANDE-PICCOLO e di riflettere sulle occasioni che ci sono capitate dove il disagio di sentirci “fuori misura” era così pungente da non poterlo sopportare. La nostra eroina ha a che fare con sedie troppo piccole e letti troppo morbidi e non trova la sua dimensione, la sua identità. La famiglia degli orsi pare così inospitale, nei suoi confronti, fin tanto da cacciarla, e di Ricciolidoro persa nel bosco non ne conosciamo la fine.

Ricciolidoro, presenta alcune anomalie rispetto alle altre favole classiche, come appunto il finale che non presenta un lieto fine, ma ha la forza di quelle che si sono imposte al pubblico dei piccoli per il messaggio insito nel percorso che la bambina intraprende per trovare il suo posto, quello giusto nella vita.

Download
La scheda dello spettacolo.
Scheda Ricciolidoro.doc
Documento Microsoft Word 184.5 KB
Download
La pianta luci dello spettacolo.
pianta luci riccioli d'oro.jpg
Formato JPG 24.6 KB


Io sono  tu sei …

liberamente tratto da “Io sono  tu sei” di Giusi Quarenghi

Con Lisa De Leonardis e Irida Mero

Canzoni e musiche di Massimiliano Buono

Scene  di Fabrizio Paluzzi  Luci di Tibò Gilbert

Grazie a  Paolo Capodacqua, Germana Rossi, i bambini della scuola Mazzini di Avezzano (AQ),  Coro Multietnico di bambini “Se…Sta Voce “ di Roma

 Con la collaborazione diAssociazione ARTLAB

Ideazione e regia di  Mario Fracassi 

 

“L’infanzia è l’inizio della biografia di ciascuno, i bambini possono diventare biografi l’uno dell’altro, non solo per farsi nuovi amici , ma soprattutto per scoprire quel filo sottile che lega tutti quanti, al di là del paese di provenienza e della lingua.”(G. Quarenghi)

 

Lo spettacolo racconta la storia di due bambine, Beatrice, che ha dodici anni e frequenta la prima media, e Liranda, di origine albanese, che ha tredici anni, è arrivata in Italia  da poco ed è stata inserita in quarta elementare  in attesa di imparare bene la lingua. Le due bambine costruiscono ciascuna la biografia dell’altra, raccontandosi le loro storie, fatte di nostalgie, di giochi, di timori e di speranze, e scoprono qualcosa di importante, ”…come erano diverse nella loro uguaglianza, e com’erano uguali  nella loro diversità.”

 

“Io sono  tu sei… segue il racconto di Giusi Quarenghi, apprezzata autrice di letteratura per l’infanzia, ed è stato tessuto con le improvvisazioni delle due attrici, che proprio come i due personaggi della storia, sono una italiana l’altra albanese; si sono narrate e raccontate, sul filo dei ricordi, e hanno legato questo materiale con quello scaturito dai laboratori teatrali condotti con i bambini nelle scuole.

 

“Ero interessata alle aperture che il mio testo poteva aver sollecitato e accolto più che a una messa in scena cosiddetta fedele. Mi sono venute incontro le interpretazioni di Irida e Lisa, che si sono narrate e interpretate, riprendendo per mano la propria infanzia. E le variazioni e le riscritture scaturite dai laboratori condotti con i bambini. IO SONO TU SEI ha davvero coniugato il verbo essere. Grazie a voi.” (Giusi Quarenghi)

 

Dedicato ai ragazzi dai 6 anni

Nuova produzione Debutto Marzo 2010

                                        crediti fotografici: Silvia Mazzotta




HANSEL E GRETEL

Con

FLAVIA VALOPPI, FRANCESCO MARCONE

OSCAR STRIZZI, EMANUELA D’AGOSTINO

 

durata 1 ora 

canzoni e musiche originali  PAOLO CAPODACQUA

idea e Progetto Macchina Scenica FABRIZIO PALUZZI

 Realizzata da MACRAMÈ

pupazzi BARBARA CHIARILLI

  decorazioni GABRIELLA MORRICA

regia MARIO FRACASSI

 

C'era una volta... una matrigna che abbandonò nel bosco i piccoli Hansel e Gretel.

Nella celebre fiaba del povero taglialegna, Hansel e Gretel, vittime della miseria e dalla paura, della matrigna e dell'avida strega, riescono a sviluppare la capacità di guardare in faccia le difficoltà, riescono a trovare la capacità di affrontare i problemi attraverso la crescita della loro inventiva con i sassolini che buttano nel bosco per ritrovare la strada e con lo sviluppo del loro coraggio per evitare di essere divorati dalla strega.

Così come in ogni fiaba, anche nel nostro spettacolo è centrale il percorso di sviluppo che i due bambini - eroi compiono, attraverso il superamento di prove impegnative.

 

      Dedicato ai ragazzi dai 4 agli 11 anni

 

Spettacolo vincitore della nona edizione del Festival nazionale di teatro ragazzi della città di Molfetta - TI FIABO E TI RACCONTO - premio “L'Uccellino Azzurro 2004"

Download
HYSTRIO.doc
Documento Microsoft Word 20.5 KB
Download
HANSEL E GRETEL.doc
Documento Microsoft Word 1.7 MB
Download
HANSEL E GRETEL. SCHEDA TECNICA.doc
Documento Microsoft Word 35.5 KB
Download
Canzone della fame .mp3
File audio MP3 2.6 MB


IO VORREI CHE SULLA LUNA CI SI ANDASSE IN BICICLETTA

               poesie e filastrocche di Gianni Rodari

   musicate ed eseguite da Paolo Capodacqua

durata 1 ora

prodotto da

                               FlorianTeatro Stabile d'Innovazione

 

Presentato nel 1990 al VII Premio alla fantasia “Gianni Rodari” di Orvieto.

 

Presente alla III edizione del Festival Internazionale di Teatro per ragazzi di Sant’Elpidio come Opera testimone per il Premio alla Memoria a Gianni Rodari.

 

Spettacolo vincitore del Premio Lesina 1998 in quanto “opera per ragazzi significativa e di alto valore culturale”.

 

"Io vorrei che sulla luna ci si andasse in bicicletta" è stato riproposto per oltre 150 repliche in numerose città italiane con riscontri favorevoli di pubblico e di critica.

 

"Gianni Rodari aveva una grande passione per la musica: da ragazzo aveva studiato per anni il violino e, oltre che poeta e scrittore, è stato anche un autore teatrale: gi era perciò naturale il senso dello spettacolo musicale. Con una felice intuizione, Paolo Capodacqua ha colto questa poco nota disposizione di Rodari e ha realizzato un suo personale lavoro di grande valore. Come ha proceduto? Ha scelto significativi testi poetici di Rodari e su di essi, con un originale equilibrio tra testo , musica, canto e brevissimi siparietti parlati, ha inventato lo spettacolo teatrale “Il vorrei che sulla luna ci si andasse in bicicletta” registrato poi nella musicassetta “la torta in cielo”. In che cosa consiste l’originalità del suo lavoro?

In primo luogo non ha realizzato il solito spettacolino infantile bamboleggiante (per Rodari era fermo principio pedagogico non bamboleggiare mai rivolgendosi in qualsiasi forma ai bambini). Il ritmo e la melodia della suo musica e la sua limpida voce accattivante, si applicano con grande rispetto ai testi e nello stesso tempo, dilatano e rendono fruibilissimi gli effetti della parola poetica di Rodari. Paolo Capodacqua non si è proposto , quindi, come spesso deprecabilmente accade a chi si rivolge ai bambini, come un attore che si serve dei testi per esibirsi in un suo gratificante show personale, ma di farsi interprete creativo di un mondo poetico di alto livello come quello di Rodari.

Anche per questo il suo lavoro mi sembra un antidoto a tanta volgarità spettacolare che cerca solo effetti epidermici. Non solo, infatti, riesce a stimolare profondi bisogni fantastici ed emotivi dell’infanzia, ma costituisce anche, tral’altro, uno dei rarissini casi in cui il fascino della parola cantata può far incuriosire alla parola scritta e in questo caso, a leggere Rodari. Proprio perché gli è estraneo l’esibizionismo narcisistico, Paolo Capodacqua è riuscito a realizzare un piacevolissimo spettacolo, che ha il grande merito di costituire per i bambini una doppia iniziazione poetica e musicale".                 

MARCELLO ARGILLI

 

(Scrittore, giornalista, autore di soggetti e sceneggiature televisive, ha pubblicato oltre trenta libri per ragazzi, tradotti in una ventina di lingue. Per la Casa Editrice Einaudi ha pubblicato una biografia di Rodari)
 

ASCOLTA LE CANZONI DELLO SPETTACOLO

 

Download
La Torta In Cielo.mp4
File audio/video MP4 3.0 MB
Download
Filastrocca Brontolona.mp4
File audio/video MP4 2.9 MB
Download
Un Tale Che Sbagliava Le Storie.mp4
File audio/video MP4 2.0 MB
Download
Filastrocca dell'ABC.mp4
File audio/video MP4 3.9 MB


IL GALLETTO IMPERTINENTE

da UN UOVO NERO di Luigi Capuana

 

spettacolo semifinalista Premio Scenario Infanzia 2008

 

drammaturgia e regia Alessandra Felli

con

Giovanni Bussi, Silvia Grande, Annachiara Repetto

 musiche J. G. Albrechtsberger

scene e costumi Miriam Di Domenico

luci Igor Renzetti

 

età 5 – 10 anni

 

La trama

Lo spettacolo, ispirato all’omonima fiaba scritta nel 1882 da Luigi Capuana, racconta l’esperienza di un galletto che attraverso continue morti e resurrezioni va alla ricerca della sua libertà.

Una vecchia e la sua gallina trascorrono serenamente la loro vita fin quando un temporale non devasta i raccolti. Proprio per placare la fame la gallina genera, oltre al solito uovo bianco, un misterioso uovo nero che la vecchia riesce a vendere al Re.

Dalla cova dell’uovo nero nasce un galletto che è accolto nella famiglia reale come se fosse un figlio. Tuttavia si tratta di un galletto che desidera razzolare nei piatti dei ministri, rincorrere le

pollastre, e che rintrona le orecchie di tutta la corte coi suoi: «Chicchirichì».

La pazienza di Re e Regina è messa a dura prova. Le due maestà, indignate, lo uccidono più e più volte per farne una tazza di brodo o uno spiedino arrostito. Eppure il galletto risorge ogni volta e ancor più dispettoso. Le difficoltà dei regnanti sono risolte grazie alla Fata Morgana, che impartisce ai genitori i compiti per liberarli dalla maledizione. Il galletto si trasforma così in un bambino e viene nominato Reuccio; dell’animale gli rimangono ancora la cresta e gli sproni.

Inspiegabilmente dopo parecchi mesi il Reuccio si ammala di malinconia e nessun medico riesce a individuare una cura. Il bambino soffre di una profonda nostalgia del suo essere galletto. I genitori, pur di salvarlo dal male incurabile, assecondano i suoi desideri fin quando al Re non scappa, per l’ultima volta, la pazienza e taglia la testa al figlio.

Questa è l’ultima trasformazione che il galletto vive sulla sua pelle prima di diventare, finalmente, un bambino.

 

La messinscena

La scena è abitata da tre personaggi una vecchia, la sua gallina e un galletto che durante lo spettacolo giocano a interpretare altri ruoli e si travestono da Re, Regina, Cuoco e Medico a seconda della figura necessaria alla storia.

La vecchia e la gallina costituiscono un piccolo nucleo familiare e rappresentano due aspetti diversi di un unico archetipo femminile, capaci di dare vita ad una terza entità: il galletto.

Lo spettacolo segue il processo di conoscenza del galletto che la vecchia e la gallina “mettono in scena” davanti ai bambini che insieme al galletto assistono a questa recita.

Grazie al gioco del teatro il galletto e quindi anche lo spettatore percorre le tappe necessarie alla formazione della sua identità.

Attraverso questo lavoro desideriamo approfondire la conoscenza di Luigi Capuana, autore della letteratura italiana poco frequentato, suscitare una riflessione sui temi dell’identità, della libera espressione delle proprie capacità pur se contrarie alla logia dominante, e del valore delle regole; ci auguriamo, inoltre, di sollecitare il bambino al pensiero divergente proponendogli un lavoro di artigianato teatrale che non descrive in modo mimetico la realtà che racconta ma che lo stimola a costruirne una propria.

Download
Scheda sulla regista Alessandra Felli
IL GALLETTO IMPERTINENTE. SCHEDA SU ALES
Documento Microsoft Word 91.0 KB
Download
IL GALLETTO IMPERTINENTE. PIANTA LUCI.jp
Formato JPG 1.1 MB
Download
Note su Luigi Capuana.
IL GALLETTO IMPERTINENTE. NOTE SU LUIGI
Documento Microsoft Word 96.0 KB
Download
IL GALLETTO IMPERTINENTE. SCHEDA TECNICA
Documento Microsoft Word 85.5 KB
Download
IL GALLETTO IMPERTINENTE. SCHEDA ARTISTI
Documento Microsoft Word 92.5 KB


FLORIAN ESPACE

Via Valle Roveto, 39 

PESCARA 65124

085 4224087 -  085 2406628 -  393 9350933

direzione@florianteatro.it 

organizzazione@florianteatro.it

info@florianteatro.it

P.IVA 00275690683  

posta certificata:   florianteatro@pec.it