CORPOGRAFIE III EDIZIONE

rassegna di danza contemporanea a cura di Gruppo Alhena e ACS

in collaborazione con Florian Metateatro e Artisti per il Matta

venerdì 23 settembre ore 21 Florian Espace

Compagnia Atacama

IO, LEI, ME

Io, lei, me

Coreografia, Regia: Patrizia Cavola- Ivan Truol  Con: Valeria Baresi Voce registrata: Patrizia Hartman Musiche originali: Epsilon Indi Costumi: Medea Labate Luci: Danila Blasi

Lo sguardo mette a fuoco...dentro

Una donna...galleggia, annega, galleggia...

Galleggiare tra sentimenti contrastanti. Le infinite e innumerevoli sfaccettature dell'animo umano, che può passare dalla gioia al dolore, dalla paura allo stupore, dal piacere alla vergogna in un frangente di secondo. Svelare le contraddizioni dell'animo umano, slanci e cadute, repentini cambiamenti e contraddizioni insanabili. La destrutturazione dei movimenti, la loro segmentazione e frammentazione, navigare nella propria natura, nella proprioa condizione esistenziale. Forza e fragilità, coraggio e paura come stati legati e coesistenti, indagine su uno stato di svelamento spirituale, ricerca performativa sul corpo eroico femminile, nudo nella propria esposizione, senza pelle né difese.


Domenica 25 settembre ore 19 Florian Espace

Orlando Izzo e Angelo Petracca/Compagnia Interno 5

In residenza artistica 19/25 settembre

 

V I B – Vibrations in body.

Concept: Orlando Izzo e Annalì Rainoldi

Dramaturg: Annalì Rainoldi

Interprete: Orlando Izzo

“… Silenzio. Realtà sospese in universo afono. Scie di vibrazioni reticenti. La storia della ricerca di un equilibrio assorbito attraverso un’onda che nel proiettarsi verso il nulla intercetta l’anima di un corpo. Silenzio.” Come può un corpo farsi interprete del silenzio?

La ricerca passa per un processo di stato di vibrazione e l’essere vibrato. Il tentativo è di abitare uno spazio percorrendone le distanze attraverso il corpo che diviene oggettivamente metro di misura. Il corpo è qui anche strumento per percepire, trasmettere, creare una partitura ritmica fatta di vibrazioni, di suoni appartenenti a onde sonore poco frequentate dall’orecchio umano normoudente. L’esperienza diretta è il motore di tutto il lavoro e la mia necessità di scoprire come il corpo stesso, attraverso il movimento e la danza, reagisce al SILENZIO è il filo conduttore della performance.

 

TRATTATO SEMISERIO DI OCULISTICA

Idea di Orlando Izzo e Angelo Petracca

Interpreti Orlando Izzo e Angelo Petracca

“Ciò che è non sarebbe e ciò che non è sarebbe!” – Alice nel Paese delle Meraviglie, Lewis Carroll.

La relatività di un’azione, di un gesto quotidiano e per estensione di qualsiasi “presenza” visibile all’occhio, dà origine all’interrogativo che i due autori e danzatori si sono posti osservandosi nella creazione. Cosa c’è di vero ed assoluto nell’istinto di un movimento? L’indagine semiscientifica che durante la residenza si vuole approfondire parte dalla radice di ciò che determina in prima istanza il giudizio di una qualsiasi realtà: la vista. Tutto ciò che esiste e quindi anche tutto ciò che viene creato e danzato è, appunto, creato e danzato utilizzando la vista del creatore e la vista dell’interlocutore pubblico: cosa lo rende universale dal momento che il punto di vista può cambiare inesorabilmente a causa di sindromi che alterano la percezione visiva della realtà (Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie), di disturbi dell’occhio o anche a causa di distanze e prospettive differenti rispetto al luogo della performance?


Gruppo Alhena

ELOGIO DELLA VECCHIAIA

Venerdì 2 dicembre ore 21 - Florian Espace

per TEATRO D'AUTORE e altri linguaggi / Corpo di scena

in collaborazione con CORPOGRAFIE

di e con Anouscka Brodacz elaborazione musica live Globster installazione video e computer grafica Andrea Micaroni

15 haiku compongono l'insieme delle riflessioni sullo scorrere del tempo della regista e coreografa Anouscka Brodacz, attraverso danza, video, pensieri, interviste fatte ad anziani in Italia e in Africa, musica, performance. Una serie di affreschi poetici, estetici, crudeli, ironici. Una cerimonia per frenare l'avanzata degli anni, per esorcizzare il declino del corpo.


Gruppo e-Motion

GARBAGE GIRLS

Sabato 11 marzo ore 21.00 - Florian Espace

per TEATRO D'AUTORE e altri linguaggi / Corpo di scena

in collaborazione con CORPOGRAFIE

regia e coreografia Francesca La Cava con Francesca La Cava, Roberta De Rosa e Angela Valeria Russo musica originale Lorenzo e Federico Fiume dell’Associazione Culturale Resiliens collaborazione artistica Corinna Anastasio costumi Francesca La Cava scene e disegno luci Stefano Pirandello video Giovanni Sfarra direzione tecnica Carlo Oriani Ambrosini foto di Paolo Porto  coproduzione Società Aquilana dei Concerti "B. Barattelli"

Un viaggio poetico tra i rifiuti, tra immanente e trascendente, tra coloro che sono costretti a vivere “nella desolazione, testimoni della crudeltà della vita e dei suoi mille misteri". E’ la storia poetica di donne che si “muovono” come se la strada fosse “il teatro della vita” fatto di scenografie e suoni che riproducono il vero attraverso il falso, il reale attraverso il sogno, la crudezza attraverso la poesia. Questa creazione di teatro danza si muove alla ricerca di espressioni vitali, di movimenti naturali, di dialoghi gestuali che stendono la storia nella quale gli interpreti si lasciano costruire addosso e costruiscono una serie di situazioni che giocano tra il reale, il grottesco e il trascendentale, riscoprendo gli spazi nascosti della mente. Disagio, marginalità e devianza caratterizzano il conflitto di queste donne alla ricerca della loro identità, superando le barriere sociali imposte dalla collettività.

Dopo lo spettacolo, per Incontri a teatro seguirà un colloquio con la compagnia a cura di Cristina Squartecchia.

Biglietti: intero € 10 ; ridotto € 8 ; professionale € 6 (per gli allievi delle scuole di teatro e di musica convenzionate). E' consigliata la prenotazione.


Progetto Ovidio's Parade

MEDUSA

Sabato 29 aprile ore 20.00 - Florian Espace

per Sotto la tenda dell'Avanguardia a cura di Giulia Basel e Pippo Di Marca in collaborazione con Espace Promozione Culturale

con Irene Placidi (danza) musica live Globster ideazione e regia Anouscka Brodacz produzione Gruppo Alhena / e-Motion

in collaborazione con CORPOGRAFIE / Giornata internazionale della danza

Medusa era in origine una donna bellissima: a mutarla in mostro sarebbe stata la dea Atena, come punizione per aver giaciuto con (o per essere stata violentata da) Poseidone in uno dei suoi templi. Il suo sguardo pietrifica chi la guarda. Solo Perseo, con lo stratagemma dello scudo, riesce ad annientarla.

Il progetto “Ovidio's parade” è una maratona di teatro, danza, musica e video, insieme di performances ispirate alle “Metamorfosi” di Ovidio, che vuole condurre gli spettatori nel mondo dei miti con una lettura contemporanea di ricerca di nuove relazioni fra le arti. Il racconto delle “Metamorfosi” secondo l’autore doveva rendere il senso di un’esistenza continuamente mutevole, incerta, vissuta dagli uomini in balia degli eventi, vittime del gioco del caso o del capriccioso arbitrio degli dei. Il progetto vuole affrontare una sorta di cosmogonia del Mediterraneo utilizzando le memorie dei differenti miti dei paesi che si affacciano sul mare, raccontati tutti nelle “Metamorfosi”.
Medusa è una delle tappe di questo percorso e viene riproposta per la Giornata Internazionale  della Danza nel Bimillenario Ovidiano.

 

FLORIAN ESPACE

Via Valle Roveto, 39 

PESCARA 65124

085 4224087 -  085 2406628 -  393 9350933

direzione@florianteatro.it 

organizzazione@florianteatro.it

info@florianteatro.it

P.IVA 00275690683  

posta certificata:   florianteatro@pec.it