Gli uffici del FLORIAN resteranno chiusi per la pausa estiva da lunedì 11 a venerdì 29 agosto 2014 ma continuano gli spettacoli a Pescasseroli, Pratola Peligna e Castel di Ieri.

 

AUGURIAMO A TUTTI UNA BUONA ESTATE

 

per urgenze potete contattarci al numero 393/9350933

 

lunedì 4 agosto prima replica 18.30* - seconda replica 19.15*
AURUM Largo Gardone Riviera
 
FLORIAN Teatro Stabile d'Innovazione in collaborazione con
Progetto MUSA/Officina delle Invenzioni
DORALINDA e le pecore magiche
da un racconto di Dario Oggiano
con Flavia Valoppi
drammaturgia e regia Isabella Micati, Flavia Valoppi, Alessio Tessitore
oggetti di scena Officina delle Invenzioni-Arago Design, associazione La Ginestra
supervisione artistica Giulia Basel
in collaborazione con Progetto Musa e La Galina Caminante
teatro d'attore, dai 4 anni

Un giorno qualcuno disse: ci sono delle pecore magiche su Campo Imperatore. Sono pecore dal vello decorato.
Fu così che Doralinda partì dalla sua Taranta. Cercava le pecore e cercava il decoro, il decoro che nessuno mai aveva osato nemmeno pensare. Ma lei era tessitrice e più di ogni altra cosa al mondo amava la bellezza. Quella creata con le mani, con l'intreccio dei fili di lana.
Più di ogni altra cosa Doralinda amava i suoi tessuti. Quando incontrò le pecore decorate, amò anche loro. Le sue muse ovine. 
Il tempo dopo di loro non fu più lo stesso e il mondo cambiò.
 
E' previsto un LABORATORIO curato da Gnoramà Handmade (www.gnorama.it) dove i piccoli spettatori impareranno la tecnica di Infeltrimento della lana a "feltro secco", rigorosamente con lana d'Abruzzo grezza.

Ingresso solo spettacolo: € 4.00
Spettacolo più Laboratorio: € 7.00
E' NECESSARIA LA PRENOTAZIONE. POSTI LIMITATI
I bambini interessati al Laboratorio devono essere accompagnati dai genitori
*L'orario di convocazione del pubblico interessato sia allo spettacolo che al laboratorio è alle 18.30.
Gli spettatori interessati solamente allo spettacolo devono arrivare, previa prenotazione, alle ore 19
vendita biglietti al botteghino a partire dalle 17.30
FLORIANflussi / ACCADIMENTI PLURIMI
direzione artistica  Giulia Basel 
presenta 
 
PAOLO VERLENGIA in
FUORI TEMPO MASSIMO
...rigorosamente in ritardo...
da Heinrich Böll
di e con Paolo Verlengia
musiche di ed eseguite in scena da Renato Barattucci
AntePrima
 
Sulle orme del grande scrittore tedesco Heinrich Böll, storie di una Germania “dal volto umano”. Feste comandate, preparativi, decorazioni, canti, ricette, e poi riunioni di famiglia, zii ricchi e zii squattrinati, pugili falliti, percore nere, mitomani e maniaci depressivi. 
Nella zona tutta speciale del racconto il tempo si espande, facendo da cornice per divagazioni semiserie su temi inestinguibili come la memoria, l’identità o la paura, che poi è quella di sempre: crescere, invecchiare, morire o diventare. 
Paolo Verlengia accompagnato al pianoforte dalle musiche di Renato Barattucci ci propone un format ibrido tra informazione, narrazione ed intrattenimento basato sulla rielaborazione ed armonizzazione dei diversi racconti umoristici di Böll.
 
Paolo Verlengia è un appassionato studioso di teatro, autore, performer e attore, già noto al pubblico del Florian per gli incontri con le compagnie teatrali ospiti della stagione che conduce a fine spettacolo, coinvolgendo il pubblico con racconti anche curiosi sulla loro formazione e sul loro percorso artistico.  Recentemente Verlengia è stato molto apprezzato anche come critico teatrale per aver scritto interessanti recensioni mostrando una particolare attenzione nei confronti delle compagnie più giovani ed emergenti.
In questo spettacolo Verlengia si presenta in una veste inedita, debuttando come stralunato narratore di storie in una sua personale rielaborazione dei testi di Böll  e conducendo il pubblico nel mondo dell'apprezzatissimo ma poco frequentato autore tedesco.
 
Heinrich Böll (1917-1985) è stato uno degli scrittori più importanti del dopoguerra. La sua vena creativa spazia dal racconto al romanzo, dal saggio all’articolo giornalistico, ma soprattutto riesce ad unire la riflessione profonda con il sorriso e finanche la comicità, intrecciando spesso queste diverse anime nel medesimo scritto, sotto forma di una leggerezza e tenerezza inimitabili. La consacrazione definitiva avverrà nel 1972, con il conferimento ad Heinrich Böll del Premio Nobel per la Letteratura. 
 
BIGLIETTI: intero € 8  ridotto  € 6 (per giovani, artisti e per gli allievi delle scuole di teatro)
SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE
FLORIANflussi / ACCADIMENTI PLURIMI
direzione artistica  Giulia Basel 
presenta per 
 
Teatro e Territorio
 
TEATRI OFFESI / ERRORI DI TRASMISSIONE
PYGMALION
liberamente ispirato al Pigmalione di Ovidio
con Lorenzo Marvelli, Carmen Nubla, Massimiliano Elia
scenografia Angelo Bucciacchio e Francesca Racano
luci Pietro Monacelli
audio Luciano Lawash Di Tommaso
scrittura e regia Teatri OFFesi e Errori di Trasmissione
una produzione Associazione Re-Te Residenze Teatrali
 
giovedì 19 giugno 2014 ore 21.15
FLORIAN ESPACE
via Valle Roveto - Pescara

Il testo dello spettacolo, scritto da Lorenzo Marvelli che ne ha curato anche la regia, non ha nulla della bella storia d’amore a lieto fine favorita da forze divine come nell’opera ovidiana: Pygmalion infatti  non è uno scultore, ha sposato una donna che non ama, non ha evidentemente il favore della dea Afrodite e comunque sogna di poter creare una donna perfetta, quella che ha sempre desiderato e che non può essere sua moglie.
 
"...Avrai una donna bellissima. Con la pelle bianca. Da poter chiamare Galatea..." da questo assunto nasce la follia del protagonista, un macellaio consumato dal suo lavoro con le mani sempre sporche di sangue animale che strofina con decisione perché non ne sopporta il tanfo.  Pygmalion è un uomo solo ed alienato, a tratti allucinato e delirante, in grado di comunicare in maniera diretta con uno strano personaggio, probabilmente un direttore d’orchestra o forse un cantante lirico o più semplicemente una figura clownesca a cui chiede incessantemente consigli e ordini.
 
Questo strano personaggio incarna la follia di Pygmalion e ne è una rappresentazione terrificante, per certi versi anche comica. 
In sua compagnia, il protagonista  attraversa eccezionali stati di disordine mentale, cerca invano di comunicare con la moglie, una donna problematica e alcolizzata con l’ossessione dell’ordine e del telefono ma ogni volta i suoi tentativi falliscono.
 
Lo spettacolo attraversa le pieghe di una mente allucinata. Caotici stati di percezione, l’alienazione per un lavoro insoddisfacente, il delirio, le voci nella testa, la violenza accennata e mai agita completamente, immagini false e paradossali  prendono forma sulla scena.
La follia di Pygmalion diviene così l’unica possibilità di cercare, di immaginare, di desiderare un amore che non c’è e che non potrà esserci se non nell’artificio, nella creazione di un simulacro vivente.
 
Uno spettacolo forte e coinvolgente che offrirà spunti di riflessione sulle dinamiche di coppia moderne spesso frutto di amori tormentati che sfiorano la follia.
 
BIGLIETTI: intero € 8  ridotto  € 6 (per giovani, artisti e per gli allievi delle scuole di teatro)

 

SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE

 

 

LO SPETTACOLO

 

La Cenerentola”

 

programmato per il 16 giugno

 

è stato

 

RINVIATO

 

causa annunciato maltempo al

 

23 giugno 2014 alle ore 19

 

presso SpazioPiù

 

 

 

Florian Teatro Stabile d'Innovazione 
in collaborazione con SPAZIOpiù 
 
presenta 
 
Florian Teatro Stabile d'Innovazione
LA CENERENTOLA
tratto dai fratelli Grimm
con Flavia Valoppi e Germana Rossi
musiche eseguite dal vivo da Germana Rossi
regia Mario Fracassi
 
teatro d'attore con musica dal vivo, dai 5 anni
 
lunedì 23 giugno 2014 ore 19.00
SPAZIOpiù
Via del santuario 156 - PESCARA

Cenerentola, dopo la scomparsa della madre, vive nel proprio castello ridotta a fare da serva alla matrigna e alle due brutte e cattive sorellastre. Un bel giorno arriva il dispaccio reale per cui tutte le ragazze da marito sono invitate alla festa in onore del matrimonio del principe...
 
E’ uno spettacolo dove le due interpreti danno voce, attraverso il gioco del suono del violino, della fisarmonica, del canto  e della narrazione, al fuoco che scoppietta, alla spazzola che pulisce il pavimento ai  piedi delle sorellastre -costretti a strizzarsi dentro una scarpa troppo piccola-  e a tutti  gli altri personaggi  della fiaba più conosciuta al mondo.
Ci incanta la gestualità dello spettacolo consumato in una assoluta vicinanza con il pubblico, il racconto si fa tutt'uno col corpo dell'attrice che rappresenta attraverso forme visibili l'azione immaginaria. Ma lo spettacolo è anche un ritorno all'origine della Fiaba domestica per Bambini dei Grimm, alla sua integrità e interezza, al recupero sonoro della lingua originale e alla sua radicalità espressiva.
 
Misurata ed efficace, nella sua semplicità calcolata, [...] la trasposizione per attore e musicista della celeberrima fiaba di Cenerentola con la brava Flavia Valoppi accompagnata dalla voce e dal violino di Germana Rossi” (Mario Bianchi, Eolo – Rivista di Teatro Ragazzi in Recensioni)
 
Biglietto unico € 5 
LA BIGLIETTERIA SARA' APERTA A PARTIRE 
DA UN'ORA PRIMA DELLO SPETTACOLO
 
Prossimo appuntamento a SpazioPiù
giovedì 26 giugno - ore 19.00
Florian Teatro Stabile d'Innovazione
LA BELLA ADDORMENTATA
liberamente ispirata alle fiabe di Perrault e Grimm
drammaturgia Mario Fracassi, Flavia Valoppi, Alessio Tessitore
con Flavia Valoppi e Alessio Tessitore
ideazione e regia Mario Fracassi
teatro d'attore con figure, dai 4 anni

 

Si conclude con un saggio–spettacolo il percorso degli allievi dell'Atelier Espace, il laboratorio per giovani e adulti del Florian condotto da Umberto Marchesani.

 

Il percorso laboratoriale iniziato nel mese di ottobre 2013, è stato focalizzato sulla recitazione, sulla dizione e la lettura espressiva, nonchè sullo studio e la caratterizzazione del personaggio, improvvisazione e dinamica del movimento.

 

Umberto Marchesani, attore stabile della Compagnia Florian  e coordinatore a Pescara del progetto nazionale sulla nuova drammaturgia “14 Teatri x 30 Autori” è stato recentemente apprezzato come interprete e regista dello spettacolo “Le stanze di Cechov”. In quest'ultima Stagione è stato attore protagonista per la regia di Giulia Basel di "Bagno Borbonico", "Metis - Il multiforme ingegno di Ulisse" e "L'Impresario teatrale",

 

Da anni responsabile dell’Atelier Espace, propone per questa occasione, curandone l'adattamento e la regia, lo spettacolo "Delirio a due" da Eugène Ionesco.

 

 

 

Pubblicata nel 1962, "Delirio a due" è una delle opere minori di Eugene Ionesco, esponente di spicco del Teatro dell'Assurdo. In esso emergono i tratti essenziali del "teatro" dell' autore franco rumeno: distacco dei protagonisti dalla realtà, disarticolazione del linguaggio e insensatezza del quotidiano. La vicenda vede una coppia litigare ossessivamente su un argomento futile per poi sfociare in una serie di litigi deliranti su tutto ciò che li riguarda, lasciando trapelare l'incomunicabilità e l'ineluttabile fallimento sentimentale. Concentrandosi unicamente sulle loro beghe "isteriche", i due arrivano ad ignorare totalmente quello che succede fuori del loro miscrocosmo, umiliandosi e deridendosi senza interruzione, impossibilitati ad uscire a causa del conflitto di fuoco che incombe per le strade. 

 

 

 

INGRESSO  intero € 8  ridotto € 6  (per giovani, artisti e per gli allievi delle scuole di teatro)

 

SI CONSIGLIA LA PRENOTAZIONE

 

Amici del Teatro di Ortona
Florian Teatro Stabile d’Innovazione
in collaborazione conATAM
 
presentano

 

L'Impresario Teatrale 
Der Schauspieldirektor 

 

Commedia in Musica di W. A. Mozart
Libretto di Johan Gottlieb Stephanie Jr
 
Un impresario teatrale deve formare una compagnia per uno spettacolo a Salisburgo, ma la scelta di attori e cantanti si rivela più difficile del previsto perché tutte le donne della compagnia pretendono di essere la "primadonna". Infine l'impresario Frank, aiutato dal simpatico Buff, riporta l'armonia sul palcoscenico.
L'opera, composta in sole due settimane, venne commissionata a Mozart dalla corte imperiale: essa venne rappresentata a Schönbrunn in occasione della visita del Governatore dei Paesi Bassi, il duca di Sassonia-Teschen, di sua moglie Marie Christine (sorella dell'imperatore Giuseppe II) e di Stanislas Poniatowsky, nipote del re di Polonia. 
 
In questa occasione lo spettacolo viene presentato con accompagnamento al pianoforte.

 

PERSONAGGI E INTERPRETI
(IN ORDINE DI APPARIZIONE)
 
Frank Impresario Massimo Paolucci
Buff Massimo Vellaccio
Eiler Banchiere Tommaso Trozzi
Madame Pfeil Eliana De Marinis
Madame Krone Giulia Basel
Herz Umberto Marchesani
Madame Vogelsang Irida Mero
Signor Vogelsang Giovanni Di Deo
Madame Herz Annalisa Di Ciccio
Mademoiselle Silberklang Erika Realino

 

al Pianoforte M° Mauro Coletti
Regia Giulia Basel
 
Giovedi' 15 maggio 2014 ore 21.00
Teatro F.P. TOSTI 
Ortona

 

INGRESSO: Platea e Palchi centrali € 10,00 / Barcacce e Ordine Laterale € 8,00
Prevendita presso il Botteghino del Teatro
INFO: 393/5102874
 
FLORIANflussi / ACCADIMENTI PLURIMI
direzione artistica  Giulia Basel 
 
presenta
 
CORPO - FESTIVAL DELLE ARTI PERFORMATIVE IV ed.
tra bestialità ed evoluzione della specie
a cura di Ivan D'Alberto e Sibilla Paneriai
SUPERSTITI DEL FIORE (2014), 30’
Prima Nazionale
30' performance di e con Giulio Biancalani
 
sabato 3 maggio ore 21.00
FLORIAN ESPACE
via Valle Roveto - Pescara
 

Sopravvivono riservate in alcune campagne/particolari usanze per rendere i campi fertili e i cieli profumati.
In queste comunità vi è un vincolo che lega in un Fiore/gli Antichi Contadini a una Dea,/un Sogno ad un Dio,
degli Istrioni ad una Mostruosa Coreografia,/la Natura all’Uomo,/uno Spaventapasseri alla sua Morte.
 
La fertilità dei campi (e delle vicende umane di chi li abita)/è il risultato dell’allineamento di questa genealogia/
in un evento che libera le memorie/come un fiore libera il suo profumo.
 
La loro intima sopravivenza/dipende dalla capacità di alcune persone/d’incubare, condividere e liberare tramite gesti/
le memorie condensate del Testimone dei Campi/per lasciarlo finalmente/morire.
 
Questo è un omaggio che voglio offrire ad un mondo invisibile che ancora sopravvive
grazie a tante persone quante sono le dita di una mano. 
 
La quarta edizione di CORPO – Festival delle Arti Performative a cura di Ivan D'Alberto e Sibilla Panerai, presenta il tema "tra bestialità ed evoluzione della specie", cioè il passaggio storico-evolutivo da uomo nomade a uomo stanziale e da uomo macchina a uomo cyborg, e porterà in Abruzzo, performers ed esperti di arte contemporanea provenienti da tutta Italia. Il Festival è un’occasione culturale per approfondire la conoscenza linguaggi estetici centrali nelle ricerche artistiche contemporanee, dalla Performance alla Body Art, dall’Azionismo agli Happening. 
 
GIULIO BIANCALANI si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Bologna (Scultura) nel 2007. Da sempre impegnato nella ricerca e nella sperimentazione sul fronte performativo e su quello dell’etnomedicina, è operatore craniosacrale e di altre tecniche corporee ed energetiche. Dal 2007 ha ricevuto, sia attraverso una via familiare che attraverso l’incontro con vecchi contadini, la conoscenza di segnature e riti della medicina popolare. 
Con Enrique Vargas, del Teatro de Los Sentidos di Barcellona, ha seguito un percorso formativo in “poetica dei sensi” attraverso il linguaggio del teatro sensoriale. 
Ha realizzato diverse performance tra cui  “Resist now!” con Gary Brackett a Bologna (2005), “The Divina Shopping Commedia” con Peter Schumann - Bread & Puppets al Teatro di Rifredi di Firenze (2007), “La memoria del Funaro” a Pistoia (2009), “Il Sogno di uno Scultore” (Museo Marino Marini, 2011), “Il tesoro dei rustici” a Rastignano (Bologna, 2011), “Il Presente del Passato” (Museo Fabroni, 2012) e “Un giardino salverà il mondo” (Palazzo Fabroni, 2013). 
Ha lavorato a progetti teatrali curati da  Caterina Poggesi e Virgilio Sieni.  Attualmente collabora con Silvia Grilli al progetto “Lievicellule” a Lamporecchio (Pistoia). 
 
AL TERMINE DELLA PERFORMANCE SI TERRA' UN INCONTRO/DIBATTITO CON GIULIO BIANCALANI E CELESTE RICCI, CURATRICE E CRITICO D'ARTE
 
INGRESSO  € 4 
SI CONSIGLIA VIVAMENTE LA PRENOTAZIONE 
SEGUIRA' UN APERITIVO
 
Palla al Centro
BANDO 2014.pdf
Documento Adobe Acrobat [78.0 KB]
Download